Visitare Fuerteventura: da Marte al Paradiso.

Con l’avvicinarsi del Natale è giunto il momento di pensare alla destinazione per le prossime vacanze. State pensando ad una destinazione calda, sicura e piena di attrazioni dall’impatto visivo mozzafiato? Allora Fuerteventura fa decisamente al caso vostro.

Ho avuto modo di scoprire l’isola grazie a Travelgram Italia ed Eden Viaggi, così vorrei darvi qualche indicazione per scoprire questa straordinaria isola.

 

Com’è Fuerteventura

Fuerteventura è un’isola delle Canarie (Spagna) che si affaccia sull’Oceano Atlantico, di origine vulcanica. Quest’origine le dona una conformazione perfetta per chi ama perdersi nelle varietà paesaggistiche: in pochi chilometri si passa dalle spiagge nere alle pallide dune desertiche alle aride colline: una perfetta fusione tra paesaggi estremamente eterogenei eppure armoniosamente integrati. Non a caso, è scelta anche da registi di Hollywood, come Ridley Scott per Exodus, come location per riprese cinematografiche.

È un’isola alquanto ventosa, tanto da essere destinazione per amanti del surf da tutto il mondo e ospitare i campionati mondiali di windsurf in Costa Calma.

Il vento incessante e quella che i locali chiamano la calima, ovvero il trasporto di polvere e sabbia col vento caldo africano, rendono il paesaggio estremamente suggestivo con un aspetto quasi extraterrestre.

È un’isola calda: si passa dai 22 gradi invernali ai massimo 30 gradi estivi. Si può sempre andare al mare, le piogge sono rarissime ed il vento rende piacevoli anche le temperature più elevate.

 

Come si raggiunge Fuerteventura

L’isola è facilmente raggiungibile con voli diretti dall’Italia (Milano – Malpensa, Roma – Fiumicino, Bologna, Verona) della durata media di circa 4 ore. Controllate bene le date: non sono previsti voli diretti tutti i giorni! Se non volete pensieri, Eden Viaggi offre la possibilità di occuparsi sia del volo sia del soggiorno.

Una volta accomodati, suggerisco di prendere un’auto a noleggio presso uno dei numerosi servizi e girare l’isola per scoprire le bellezze naturalistiche che offre.

 

Dove soggiornare a Fuerteventura

La questione del soggiorno dipende da diversi fattori: ricerca di tranquillità o di movimento, compagnia, periodo dell’anno. A Fuerteventura è possibile soggiornare senza problemi sia con budget molto ridotti sia cercando una struttura dotata di ogni confort.

È importante premettere che l’isola ha un’estensione di circa un centinaio di km, quindi è possibile soggiornare in un luogo e spostarsi facilmente in poco tempo.

Scegliere le città più popolate dell’isola (Corralejo al nord, Morro del Jable a sud) significa preferire i luoghi più movimentati e giovani, mentre soggiornare in Costa Calma è più indicato per chi ama la tranquillità e le strutture confortevoli.

Durante la mia permanenza ho soggiornato all’Eden Village Nautilus in Costa Calma. Si tratta di un villaggio situato in un moderno complesso alberghiero di cui Eden cura l’area che ospita principalmente turisti italiani, con uno staff dalla rara cordialità e disponibilità. Offre cucina internazionale preparata da chef italiani ed è dotato di piscina, giardini di palme, animazione italiana, bar interni ed esterni, attrezzature sportive e centro benessere. Si affaccia su una spiaggia dorata dall’acqua limpida e gelida: è pur sempre oceano!

 

 

Cosa fare a Fuerteventura

A Fuerteventura c’è tanto da fare e soprattutto tanto da vedere.

Per gli amanti del windsurf è possibile praticare quest’attività nella zona di Costa Calma, per gli amanti della fotografia si possono trovare scenari dall’intenso impatto visivo presso i mirador, punti panoramici posti in diversi punti dell’isola, e i parchi naturali, per gli amanti del relax è possibile vivere un soggiorno classico di sole e mare, per gli amanti della shopping e della vita notturna è possibile passare le giornate e le serate nelle città di di Morro del Jable (sud) e Corralejo (nord). Propongo qui i miei consigli:

 

  • Prima cosa: fare una telefonata.

Lo so, è strano come primo consiglio, ma fidatevi: per visitare Fuerteventura è bene affidarsi a qualcuno che la conosce in profondità ed è in grado di mostrarne gli aspetti più interessanti.

Il migliore in questo caso è senza dubbio il buon Pino Casalone, punto di riferimento di tutti gli italiani a Fuerteventura, che con la sua agenzia KM 23 organizza tour esplorativi di mezza giornata alla scoperta dei luoghi più caratteristici dell’isola. E vi porta pure a mangiare il pesce buono.

Non vi fidate? Il punteggio pieno e le recensioni entusiastiche su TripAdvisor potrebbero aiutare a convincervi.

 

  • La Pared: mirador e Playa del Viejo Rey

Una delle esperienze che ho preferito scoprendo Fuerteventura, in quanto appassionato di fotografia, è stata la visita a La Pared, a 10 minuti in auto dall’Eden Village Nautilus.
In pochi metri si passa da un mirador che offre uno scenario quasi marziano ad una spiaggia rocciosa dall’acqua costantemente agitata dal vento impetuoso.

Dal mirador di La Pared ho scattato la mia fotografia preferita, tra le migliaia e migliaia di fotografie che ho scattato in vita mia.

È lo scatto a cui sono maggiormente affezionato per il senso di protezione che trasmettono le montagne, per il senso di speranza che trasmette la strada, con quel pizzico d’inquietudine nel non vedere dove porterà. Per il senso di solitudine e maestosità, che talvolta è ciò che più mi affascina nella natura.

 

Una foto pubblicata da TheRerumNatura (@thererumnatura) in data:

 

  • Dunas de Corralejo

Il Parco Naturale Dunas de Corralejo è una lunga striscia di spiaggia desertica lungo la strada che costeggia l’oceano. Si salta, ci si rotola, si prende il sole. Qualcuno lo fa anche senza costume: in certe aree è permesso. Un pezzo di Africa dentro l’isola. Una curiosità? La sabbia non scotta mai.

 

Una foto pubblicata da TheRerumNatura (@thererumnatura) in data:

 

  • Playa de Ajuy e Parco Nazionale di Ajuy

Un altro dei momenti preferiti durante la mia esplorazione dell’isola: la Playa de Ajuy è una spaggia nera, bollente, di origine vulcanica. Verso monte, a pochi passi, si può visitare il caratteristico paesino dove è possibile mangiare delle ottime grigliate di pesce.

La sorpresa arriva però esplorando il Parco Nazionale adiacente: un complesso roccioso scavato dall’acqua con picchi a strapiombo sull’oceano color blu intenso che offre panorami ricchi di contrasti dovuti all’irregolarità delle rocce.

 

Una foto pubblicata da TheRerumNatura (@thererumnatura) in data:

Una foto pubblicata da TheRerumNatura (@thererumnatura) in data:

Una foto pubblicata da TheRerumNatura (@thererumnatura) in data:

 

  • Morro del Jable e Faro di Jandia

Se la natura incontaminata non è nei vostri interessi, forse troverete più interessante la cittadina di Morro del Jable, uno dei più grandi poli turistici dell’isola. Si tratta di un paese dall’aspetto alquanto moderno affacciato sul mare con stabilimenti balneari, sabbia bianca, negozi e ristoranti lungo tutta la costa.

Capirete di essere arrivati non appena scorgerete un faro un all’orizzonte.

 

Una foto pubblicata da TheRerumNatura (@thererumnatura) in data:

 

A proposito di fari: vi consiglio di scendere ancora un po’ fino a raggiungere il faro di Jandia: altra location interessante dal punto di vista fotografico!

 

  • Corralejo

Se siete appassionati del turismo più classico, confortevole e giovane, forse la zona che si adatta maggiormente alle vostre esigenze è quella di Corralejo, una delle città più grandi e attrezzate dell’isola. Abitata da molti italiani, presenta un centro pieno di negozi e ristoranti, locali dove i drink hanno prezzi più che abbordabili e un porto davvero grazioso.
Non mancano attrazioni come un villaggio acquatico e lo zoo, ma nel mio soggiorno mi sono concentrato principalmente sulle bellezze naturalistiche!

 

Una foto pubblicata da TheRerumNatura (@thererumnatura) in data:

 

  • Playa de la Concha – El Cotillo

La Playa de la Concha è la spiaggia paradisiaca di Fuerteventura: sabbia bianca finissima, acqua cristallina, relax assicurato.
Il mare diventa rapidamente profondo (attenzione ai più piccoli!) e le onde s’infrangono sugli scogli e sono presenti numerose baie e insenature che rendoo la spiaggia uno spettacolo anche dal punto di vista fotografico.
Anche questa è una spiaggia dove il vento si fa sentire: se volete sdraiarvi per prendere un po’ di sole, cercate riparo con le protezioni di pietra che si trovano sulla spiaggia!

 

  • Costa Calma

Gli appassionati di windsurf probabilmente lo sapranno già: Fuerteventura è il luogo ideale per praticare questo sport col suo clima sempre mite e il vento che soffia impetuoso.
La zona di Costa Calma è il luogo migliore: il nome non deriva certo dall’assenza di vento quanto dall’atmosfera di relax che la distingue dai centri urbani adiacenti; il vento, anzi, qui soffia più forte che mai.
L’immensa Playa de Sotavento merita decisamente una visita: l’acqua cristsallina e la sabbia chiara formano una laguna che permette di fare lunghe passeggiate coi piedi a bagno. È una spiaggia assolutamente selvaggia.
Nella zona consiglio anche una visita alla Playa Del Mal Nombre: un vero paradiso!

 

Una foto pubblicata da TheRerumNatura (@thererumnatura) in data:

 
 
E queste sono soltanto alcune delle idee che posso offrire per visitare Fuerteventura. Non dimenticate poi di fare scorta di Aloe Vera: qui sono maestri nella sua lavorazione!
 
E ora non resta che partire e lasciarsi affascinare da quest’isola magica!
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *