Il centro di Rimini in mezza giornata

Molto spesso giunge alle mie orecchie l’equazione Rimini = sole + mare + discoteca.
Sono associazioni ormai entrate nel DNA della città che tuttavia ne oscurano un lato decisamente più romantico, storicamente importante e, perché no, fotograficamente ben più attraente; propongo quindi un itinerario alla scoperta dei luoghi più interessanti da visitare.

Suggerisco l’inizio del percorso dal Borgo San Giuliano: è sia facilmente raggiungibile a piedi dalla stazione ferroviaria sia è presente un ampio parcheggio per chi si sposta in auto.
Il parcheggio si trova in Via Tiberio, di fronte alla trattoria La Marianna, ristorante di pesce tra i più noti in città che ha visto ospiti celebri del calibro di Beyoncé.

Se volete cominciare il percorso con uno spuntino, invece, suggerisco una piadina da Nud e Crud.

Addentratevi per le vie del Borgo, visitando Via Forzieri e Via Ortaggi, lasciandovi affascinare dai vicoli con le casette color pastello del vecchio borgo dei pescatori, oggi decorate con murales ispirati al celebre riminese Federico Fellini.

Una foto pubblicata da TheRerumNatura (@thererumnatura) in data:

Una foto pubblicata da TheRerumNatura (@thererumnatura) in data:

Una foto pubblicata da TheRerumNatura (@thererumnatura) in data:

Una foto pubblicata da TheRerumNatura (@thererumnatura) in data:

La visita al Borgo impiegherà al massimo 45 minuti.

Una volta tornati in Via Tiberio, è ora di dedicare un po’ di tempo ad uno dei luoghi simbolo della città: il Ponte di Tiberio.

Questo ponte, con oltre 2000 anni di storia, collega il Borgo San Giuliano al centro storico.

Suggerisco di scendere dalle scale che si trovano accanto al parcheggio per godere della vista sul ponte e magari fotografare uno dei murales più noti della città, quello di Ericailcane che raffigura lo scontro tra il gallo e il pavone, entrambi simboli della Romagna.

Una foto pubblicata da TheRerumNatura (@thererumnatura) in data:

Se sarete fortunati, in una giornata senza vento o verso sera, il riflesso dell’acqua renderà gli archi del ponte dei cerchi perfetti.

Una foto pubblicata da TheRerumNatura (@thererumnatura) in data:

Suggerisco ora di proseguire la visita verso il centro storico di Rimini, che è accessibile in due modi: risalendo le scale e attraversando a piedi il ponte oppure facendo il giro del parco per raggiungere l’estremità opposta del ponte.
Nel primo caso, si avrà l’opportunità di camminare su duemila anni di storia; nel secondo caso, si avrà una visuale più completa del ponte che offre uno scenario alquanto suggestivo anche dal polo opposto, osservando dal lato del centro verso il Borgo.
Il mio consiglio? Semplice! Fare il giro del parco all’andata e attraversare il ponte al ritorno!

Un post condiviso da TheRerumNatura (@thererumnatura) in data:

Una foto pubblicata da TheRerumNatura (@thererumnatura) in data:

Adesso dovreste trovarvi al termine del Corso d’Augusto, la via principale del centro storico di Rimini. Proseguite dritti e comincerete ad addentrarvi nel cuore della città, con negozi, caffè e locali.
Presto vi troverete in Piazza Cavour, dove potrete trovare sulla sinistra, all’altezza della fontana, un altro luogo simbolo della città: la Vecchia Pescheria, dove si svolge la vita notturna con locali e cantinette che si riempiono di giovani e studenti dall’aperitivo a notte fonda.

Una foto pubblicata da TheRerumNatura (@thererumnatura) in data:

Potete camminare dentro la Vecchia Pescheria, che sotto Natale ospita i tipici mercatini, e proseguire girando a sinistra verso Piazzetta Gregorio da Rimini dove troverete altri mercatini ed una libreria storica della città.

Ritornate verso Piazza Cavour, andate nuovamente verso il Corso d’Augusto e imboccate Via Gambalunga, dove potrete trovate i negozi più eleganti della città e la Biblioteca Gambalunga.
Se avete del tempo, anche la biblioteca merita una visita.
Camminare mette fame? Allora è d’obbligo un trancio di pizza alla Pizzeria del Secolo!
Proseguendo, in fondo alla via si trova Piazza Ferrari, che al centro ospita la celebre Domus del Chirurgo, un’abitazione di epoca romana che presenta importanti reperti e strumenti da lavoro del medico che l’abitava.
L’ingresso alla Domus è a pagamento ma si possono osservare gli scavi anche dall’esterno.
Consigliata una visita guidata per gli appassionati di storia!

Per proseguire invece la scoperta del centro di Rimini, si può tornare verso il Corso d’Augusto e proseguire in direzione Piazza Tre Martiri, una delle principali della città.
D’interesse nella piazza sono la Torre dell’Orologio e la chiesa di S. Francesco da Paola, detta “dei Paolotti”.

Una foto pubblicata da TheRerumNatura (@thererumnatura) in data:

Svoltando a sinistra, s’imbocca Via 4 Novembre che porta al Tempio Malatestiano, il Duomo di Rimini, progettatato da Leon Battista Alberti, che all’interno ospita il Crocifisso di Giotto ed opere di Agostino di Duccio e Piero della Francesca.

Per ritornare verso il centro, invece che ripercorrere Via 4 Novembre, prendete la via che costeggia il Tempio Malatestiano sulla destra e prosguite dritti fino all’incrocio con Via Serpieri, uno dei vicoli più affascinanti della città decisamente poco conosciuto.

Una foto pubblicata da TheRerumNatura (@thererumnatura) in data:

Al termine della via sarete nuovamente sul Corso d’Augusto.
Proseguite verso sinistra per raggiungere il monumento simbolo di Rimini: l’Arco d’Augusto.
Sapete che è il più antico arco romano rimasto? Risale al 26 a.C.!

Una foto pubblicata da TheRerumNatura (@thererumnatura) in data:

La breve visita del centro di Rimini si conclude qui: potete adesso fare il percorso inverso per tornare al punto di partenza oppure attraversare la strada e fare una passeggiata lungo il percorso ciclo-pedonale Claudio Ugolini che, con una camminata di circa 20 minuti, porta dritti al mare!

Ecco qui una mappa del percorso che ho suggerito.

Non dimenticate di commentare con feedback e altri suggerimenti su cosa visitare in un pomeriggio a Rimini!

 

2 commenti su “Il centro di Rimini in mezza giornata

  1. E’ sempre adorabile fare due passi per Rimini, cittadina per certi versi ancora sconosciuta.
    E forse proprio il suo essere poco conosciuta appena pochi metri al di qua del mare la rende sempre una sorpresa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *