ARUBA, l’isola dei Caraibi da sogno: guida e consigli di viaggio.

Gianluca Fazio TheRerumNatura Aruba

Aruba è un’isola dei Caraibi, celebre per avere alcune tra le spiagge più belle del mondo, un entroterra ricco e affascinante e un clima ideale, ventilato, con temperature che raramente scendono sotto i 28°.

I contrasti tra le spiagge bianchissime e le diverse tonalità di blu delle acque la rendono un’oasi paradisiaca da cui sarà difficile separarsi.

Ecco la mia guida di viaggio per scoprire cosa vedere ad Aruba, quali sono le spiagge più belle dell’isola e cosa fare in questo paradiso nel cuore delle Antille olandesi che ho avuto l’opportunità di visitare in partnership con Isola di Aruba in occasione dell’Aruba iCamp 2018.

Come sempre, trovo utile dare qualche consiglio per prepararsi a visitare Aruba, con un paio di curiosità e informazioni utili.



• La brezza costante che soffia sull’isola è estremamente piacevole, ma anche estremamente pericolosa: è fondamentale avere sempre con sé una crema solare con almeno 30 come fattore protettivo, anche per le pelli più abbronzate. Il sole qui picchia davvero, e la sabbia bianca non aiuta di certo!

• Le scottature alla pelle sono in realtà l’unico pericolo che potrete correre sull’isola: per il resto, Aruba è un’isola estremamente sicura. I furti sono rarissimi e i turisti sono sempre accolti col sorriso e trattati con rispetto e gentilezza.

• Aruba ha una moneta locale (il fiorino arubano), ma i dollari statunitensi sono accettati ovunque. Davvero, ovunque.

• Le lingue ufficiali sono papiamento e olandese, ma chiunque parla fluentemente sia inglese sia spagnolo; in realtà, non sarà raro trovare anche qualcuno che riuscirà a farsi comprendere parlando italiano.

• L’acqua di Aruba è potabile e, anzi, la popolazione locale è piuttosto orgogliosa della sua qualità. Non servirà acquistare bottigliette d’acqua per contrastare il caldo e tenersi idratati: l’acqua del rubinetto è ottima.





 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Gianluca Fazio (@thererumnatura) in data:



Come raggiungere Aruba



Arrivare ad Aruba non è difficile: il mio consiglio è di viaggiare con KLM facendo scalo ad Amsterdam, uno degli aeroporti a mio avviso migliori d’Europa.

È un viaggio lungo ma non eccessivamente stancante: il confort a bordo è ottimo, il cibo non è male, l’intrattenimento è di buona qualità.

Non aspettatevi tuttavia di arrivare a destinazione riposati, dopo almeno 13 ore di volo e cambio di fuso orario (Il fuso orario di Aruba è GMT-4, ovvero 5 ore in meno rispetto all’Italia, 6 quando vige l’ora legale).

Molti si chiedono: di preciso, dove si trova l’Isola di Aruba?

Si trova proprio qui, nel punto indicato dalla mappa, a nord del Venezuela e a sud della Repubblica Dominicana.

 





Cosa vedere ad Aruba



Spiagge



Le spiagge di Aruba sono forse il motivo principale per cui si decide di visitare l’isola: proprio come ci si aspetta dai Caraibi, le spiagge sono bianche, l’acqua è cristallina e il relax è all’ordine del giorno.

Ecco alcune tra le spiagge più belle di Aruba.



 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Gianluca Fazio (@thererumnatura) in data:



Eagle Beach



Eagle Beach è una sterminata distesa di sabbia candida, una spiaggia attrezzata e confortevole, perfetta anche per le famiglie che vogliono godersi un po’ di meritato riposo.   Piccola curiosità: la sabbia non scotta mai, merito dei cristalli di corallo che ne tengono sempre una temperatura perfetta per una passeggiata.

È qui che si possono ammirare i celebri Fofoti Trees, alberi simbolo dell’isola, che sembrano inchinarsi in direzione dei Caraibi.





TheRerumNatura Fofoti Tree, Eagle Beach, Aruba
Fofoti Tree, Eagle Beach, Aruba



Mangel Halto



Come ho scritto anche su TripAdvisor,  “Mangel Halto è il vero motivo per cui vorrai visitare Aruba.” Una spiaggia tranquilla, non affollata, selvaggia, con un’acqua dalle infinite sfumature di turchese.

Non è difficile trovare subacquei intenti a esplorare in fondali in questa zona, che dicono essere una delle migliori dell’isola per lo snorkeling.





 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Gianluca Fazio (@thererumnatura) in data:



Dos Playa



Dos Playa si trova all’interno del Parco Nazionale Arikok, un vero gioiello nell’entroterra dell’isola di Aruba.

Come suggerisce il nome, si tratta di due spiagge, incontaminate e selvagge, separate da una roccia a strapiombo sull’oceano.

L’acqua è di un blu intenso ma spesso agitata, per questo Dos Playa è una delle mete preferite dai surfisti più temerari.





 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Gianluca Fazio (@thererumnatura) in data:



Parco Nazionale Arikok



Le spiagge non sono l’unica attrazione di Aruba: quest’isola offre, infatti, anche un entroterra ricco di bellezze naturali.

Il Parco Nazionale Arikok, di cui ho parlato poco sopra riguardo a Dos Playa,  è uno dei luoghi più interessanti che ho avuto l’opportunità di visitare.

Molti lo esplorano a piedi, a cavallo o in bici, ma io suggerisco di lanciarsi all’avventura esplorandolo a bordo di un quad o di fuoristrada guidati da esperti conoscitori del parco, che vi accompagneranno nei punti più interessanti.

Si potranno scoprire luoghi affascinanti come le grotte di Quadirikiri, meravigliose grotte naturali esplorabili in cui i raggi del sole filtrano dall’esterno creando inaspettati giochi di luce.

L’ingresso all’ Arikok National Park costa 11$, e mi raccomando: non rimanete senza acqua e crema solare, che saranno necessarie!





Il mio salto all’interno delle Grotte di Quadirikiri, immortalato dal mio compagno di avventure Danny.



 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da D A N N Y⚡️M U R T A U G H (@memorycardfull) in data:



California Lighthouse



Il California Lighthouse è uno dei punti d’interesse più celebri di Aruba.

Si tratta di un faro costruito negli anni ’10 che offre una vista panoramica spettacolare sull’isola, con la possibilità di effettuare visite guidate.

È possibile prenotare le visite dal sito per un costo di 8$.





California Lighthouse Aruba TheRerumNatura
California Lighthouse, Aruba


Sint Nicolaas



Sint Nicolaas è un’inaspettata perla di Aruba.

È qui che risiede il centro della cultura contemporanea e dell’arte, a cui gli abitanti sono estremamente legati.

Negli ultimi anni, Aruba è diventata una fiorente destinazione artistica nei Caraibi.

A Sint Nicolaas si possono trovare negozi di artigianato, gallerie e ristoranti caratteristici in mezzo all’eccentrica arte di strada.

Un consiglio: visitate Sint Nicolaas durante le celebrazioni del Carnevale, sarà un’esperienza entusiasmante!





Art Sint Nicolaas Aruba
Art in Sint Nicolaas, Aruba


Street Art Sint Nicolaas Aruba
Street Art, Sint Nicolaas, Aruba


Street Art Sint Nicolaas Aruba Murales
Street Art, Sint Nicolaas, Aruba


Aruba iCamp 2018 Street Art Sint Nicolaas Aruba Team
Aruba iCamp team!


Gianluca Fazio TheRerumNatura Street Art Sint Nicolaas Aruba-1
Street Art, Sint Nicolaas, Aruba


Oranjestad

Anche Oranjestad, la capitale, è stata una piacevolissima scoperta.

È una cittadina che incarna perfettamente l’idea di “One happy island”, il motto di Aruba.

Anche qui, come a Sint Nicolaas, la passione per l’arte emerge attraverso le numerose installazioni e gli edifici storici del centro.

Mi sono innamorato di questa città.

Degli edifici color pastello, dei locali affacciati sul mare, dei tram d’epoca.

Qui si respira un’aria di accoglienza assai rara, del tipo che preferisco: spontanea, familiare, non eccessiva.

E questo ha un valore inestimabile, addirittura maggiore della bellezza dei luoghi.











One happy island



In realtà, ci sarebbero altri infiniti aspetti da approfondire per avere un’immagine più completa di quest’isola incantevole.

Ho cercato di far emergere tramite immagini e parole l’atmosfera gioiosa di quest’isola, ma sicuramente c’è molto di più da scoprire.

Per sapere di più, rimando al sito ufficiale dell’Ente del Turismo dell’Isola di Aruba, che mi ha permesso di vivere quest’esperienza e a cui sono immensamente grato.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.