Argentina, cosa vedere in 10 giorni: guida e consigli di viaggio

argentina cosa vedere

L’Argentina è notoriamente una terra di grandi passioni ed è in grado di sorprendere per ogni aspetto: ha una cultura forte e vivace, una natura maestosa e dei paesaggi incantevoli. Se si vuole comprendere a fondo questo paese occorre dedicare tempo alla sua scoperta, per questo suggerisco di prendersi non meno di una settimana per esplorarne i luoghi più suggestivi.

Ecco i miei consigli su cosa vedere in Argentina in dieci giorni, visitata in partnership con MADE by Eden Viaggi.

   

Premesse: Argentina fai da te o con tour operator?

 

Alcuni viaggi si prestano facilmente ad essere esplorati in autonomia, mentre altri hanno bisogno di supporto da parte di esperti per potersi godere al massimo un’esperienza.

Per mete vicine o “burocraticamente” semplici sono dell’idea che ci si possa muovere anche cercando ispirazioni online e costruendo un itinerario senza bisogno di rivolgersi ad agenzie, ma per mete complesse come quelle oltreoceano ritengo necessario affidarsi a professionisti, specialmente quando si pianifica un viaggio dal costo non indifferente.

Per questo, se desiderate visitare l’Argentina, suggerisco di rivolgervi a tour operator come Eden Made.

 

Argentina: cosa vedere

 

Cascate dell’Iguazú

 

Le Cascate dell’Iguazú sono un sogno.

Penso che non abbiano bisogno di presentazioni: si tratta di spettacolari cascate generate dal fiume Iguazú che si trovano al confine tra Brasile e Argentina, di cui entrambi i paesi dichiarano di avere il lato più bello. Col tour di Eden Made potrete scegliere da soli il vostro lato preferito, perché nel mini-tour di tre giorni potrete vedere entrambi.

Trovarsi di fronte a un tale maestoso spettacolo della natura fa rendere conto di quanto sia impossibile riprodurre tramite una fotografia o un racconto la potenza di un’esperienza. Nessun’immagine e nessuna parola sarà mai paragonabile alla sensazione di avere di fronte agli occhi tanta grandiosa imponenza.

Le sensazioni che ho provato di fronte a questa meraviglia sono state ben diverse da quelle sperimentate in altri viaggi in cui mi sono trovato faccia a faccia con la grandiosità della natura, come in Australia. È proprio vero: ogni luogo suscita emozioni diverse.

     
 

Provincia di Salta

 

La Provincia di Salta, situata a nord-ovest dell’Argentina, è uno spettacolo per gli occhi. Chi, come me, è appassionato di fotografia, non potrà rimanere indifferente al fascino degli infiniti contrasti tra rocce e vegetazione, pianure e colline.

Basti pensare che si può passare da gelidi altipiani quasi deserti a oltre 4000 metri a valli subtropicali con clima mite.

 

Valles Calchaquies

 

Le Valli Calchaquies rappresentano l’essenza del nord dell’Argentina.

Non si riesce a distogliere lo sguardo dal finestrino mentre si scorge la sterminata alternanza di rocce, alberi e sabbia.

Si arriva a perdere il senso del tempo e delle distanze, così da ritrovarsi a oltre 3000 metri d’altezza senza quasi accorgersene.

Solo ogni tanto s’incontrano dei punti ristoro in cui acclimatarsi per meglio tollerare l’altitudine, godere della vista panoramica e acquistare qualche oggetto di artigianato locale prima di ripartire alla scoperta di una tale meraviglia.

   

Los Cardones National Park

 

Il Parco Nazionale Los Cardones è uno dei luoghi più affascinanti del nord dell’Argentina.

Il suo bosco di cactus è uno di quegli scenari unici che meritano una visita almeno una volta nella vita.

È sorprendente scoprirlo attraversando la Ruta40, una spettacolare strada lunga oltre 5000 km che attraversa più di 20 parchi nazionali, 18 fiumi e 27 passi nelle Ande, arrivando fino a oltre 5000 metri di altitudine.

Appassionati di fotografia, mi rivolgo sempre a voi: prendetevi tanto tempo per stare qui, perché sono luoghi non semplicissimi da raggiungere e sarà difficile poterci tornare due volte nello stesso viaggio.

   

Quebrada de las Flechas

 

La Ruta40 porta anche a scoprire la Quebrada de las Flechas, una specie di frattura tra due catene montuose in cui le pareti dei rilievi hanno assunto questa particolare forma che ricorda delle “flechas”, ovvero delle frecce.

Il paesaggio è surreale, quasi alieno, incantevole soprattutto al tramonto.

   
Quebrada de Las Flechas Argentina
Quebrada de Las Flechas Argentina
 

Ruta 68, Quebrada de las Conchas e Anfiteatro naturale

 

Non è solo la Ruta 40 ad accompagnare alla scoperta del nord dell’Argentina: la Ruta 68 offre scenari altrettanto strabilianti, assolutamente da percorrere.

La riserva naturale Quebrada de las Conchas è uno di questi.

Si trova a circa 90 km dalla città di Salta ed è considerato uno dei paesaggi più belli al mondo. Le rocce rosse, modellate da acqua e vento, hanno forme uniche e in ogni momento sarà irresistibile il desiderio di fermarsi ad ogni metro per godere di queste viste straordinarie.

   

Uno dei punti più affascinanti del percorso lungo la Ruta 68 è l’anfiteatro naturale, una specie di grotta che viene ancora oggi utilizzata come sede per concerti e spettacoli, grazie ad un’acustica eccellente e a un’ambientazione decisamente suggestiva.

 
Anfiteatro Naturale Salta Argentina
 

Tren a las Nubes

 

Fare un giro sul Tren a las Nubes è un sogno: fa tornare bambini gli adulti, entusiasma i più piccoli, è romantico per una coppia, è divertente per degli amici… Insomma, è un’esperienza per tutti.

Il Tren a las Nubes è un treno turistico che viaggia a oltre 4200 metri d’altitudine. Originariamente costruito per la popolazione, ora è principalmente di interesse per i turisti come una ferrovia storica.

Lungo il percorso è possibile fermarsi e trovare bancarelle che vendono prodotti artigianali e locali ma attenzione! Non sono propriamente a buon mercato.

   

Buenos Aires

 

Mi hanno sempre parlato bene di Buenos Aires, descritta come una città calda e accogliente, vivace, al passo coi tempi. Ed è così.

Mi sono innamorato della perfetta fusione tra ispirazione europea e istinto latinoamericano, della straordinaria integrazione culturale e, soprattutto, del suo ritmo.

Ogni città ha un ritmo.

Quello di Buenos Aires è passionale, armonioso ed elegante come quello del tango.

Quando l’ho vista ho pensato che somigliasse vagamente a Parigi.

Una versione più informale e spettinata, ma con lo stesso fascino.

   

La Boca

 

La Boca è uno dei quartieri più affascinanti di Buenos Aires.

Il suo aspetto variopinto è principalmente opera degli immigrati genovesi che hanno dato alla zona l’immagine attuale, utilizzando rimanenze di vernice per dipingere le pareti con colori sgargianti.

Questo è il Caminito, una delle vie più suggestive del quartiere.

Che dire: me ne sono innamorato!

   

El Ateneo Grand Splendid

 

Uno dei luoghi che più mi ha ammaliato a Buenos Aires è El Ateneo Grand Splendid, una libreria nata da un glorioso teatro secolare  in pieno centro storico che, per capirci, recentemente è stata nominata la “libreria più bella del mondo” dal National Geographic.

Possiamo dire che si sbagliano? Non credo!

   

La Ventana Barrio de Tango

 

Prima ho parlato di tango, che a Buenos Aires è una questione piuttosto sentita.

Incontrare le tradizioni locali è fondamentale per comprendere una nazione, quindi suggerisco vivamente di passare una serata a La Ventana, un luogo che offre lezioni di tango, spettacoli mozzafiato e un ottimo ristorante.

Un’immersione nell’Argentina più autentica, vitale, passionale.

   

Dunque, vi ho convinto a visitare l’Argentina?

Spero proprio di sì, perché è un viaggio che sono certo vi rimarrà nel cuore.

Per maggiori informazioni inserisco il link di Eden Made, sponsor di quest’esperienza, così da poter costruire il proprio viaggio su misura!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.